martedì 8 maggio 2012

Il sogno





 Meraviglia

Si svegliò presto e ,facendo attenzione a non svegliare nessuno si avviò in cucina per preparare la colazione.
Erano le sei e mezzo ,suo marito entrava a lavorare presto  e a lei piaceva preparare la colazione e sorseggiare caffellatte e biscotti insieme a lui alle prime luci del mattino .
Dopo la colazione avrebbe svegliato anche la piccola Sofia e l’avrebbe portata a scuola.
Per fortuna lei in azienda aveva un orario flessibile ,
avevano da anni un occhio di riguardo per le mamme e le consentivano di entrare alle 9:00 , 9:15 ogni mattina così poteva portare la bambina a scuola in tutta calma.
Inoltre negli ultimi anni si era concessa un part-time a 30 ore settimanali.
Con questo orario poteva andare a prendere la piccola ogni giorno a scuola , portarla in palestra ai giardini a giocare con le sue amiche e il venerdì a mangiare un bel gelato gigantesco con la panna montata e le smarties  colorate sopra .
Dopo aver dato un bacio di saluto al marito si avviò a svegliare la sua piccina che spalancò gli occhioni sulla nuova giornata.
Dopo la colazione scesero insieme giù in cortile,gettarono i 4 sacchetti di spazzatura nei bidoni della differenziata e si avviarono a prendere la sua macchina elettrica.
Erano lontani gli anni della benzina alle stelle , dei soldi contati e del precariato.
Adesso la vita era finalmente serena.
Lavoro, qualche aperitivo con gli amici , qualche pizza fuori con suo marito e la piccola ,le vacanze d’estate e la casa finita di pagare.  
La vita adesso era una meraviglia.
Poi aprì gli occhi.
Erano già le sette passate.
Suo marito era sveglio da almeno un ora sul divano .
Non riusciva a dormire da quando aveva perso il lavoro.
Si svegliava comunque ogni mattina alle cinque e si metteva a leggere annunci economici e a controllare le bollette.
Scaccio vià i lieti ricordi del suo sogno e corse a svegliare la bambina per portarla a scuola e correre a lavorare.  
Il capo era stato chiaro. “Se arrivi un ‘altra volta in ritardo ti buttiamo fuori! Non ce ne frega nulla se hai una bambina, non è un nostro problema! “
E lei il lavoro non lo poteva proprio perdere!
Lui come al solito sarebbe stato a casa, a tentare di fare un po’ di spesa per la cena, cercare qualche lavoretto e a far quadrare i conti.
In casa non c’era rimasto quasi niente.
La banca aveva  pignorato quasi tutti i mobili , anche la macchina non ce l’avevano più.
Per andare a lavorare doveva prendere due autobus e farsi comunque due km a piedi.
Uscì di casa di corsa, con il tegamino con dentro il pranzo , pranzo che tanto non mangiava quasi mai perché non ne aveva il tempo.
Fuori c’era il sole.
Sorrise debolmente ripensando al suo meraviglioso sogno e si avviò di corsa al lavoro sperando che un giorno ,
forse , 
sarebbe diventato realtà. 

S.

5 commenti:

  1. Già... magari dopo il 21 dicembre di quest'anno, potremmo tutti avere un mondo come quello del sogno....

    RispondiElimina
  2. La potenza di questo racconto è tutta (purtroppo) nella sua fotografia di una frequente verità.

    Brava civetta...

    RispondiElimina
  3. al Sogno per eccellenza ci si crede sempre, permette di chiudere gli occhi sulla realtà, a volte insomma.
    ovunque tu abbia trovata l'ispirazione..rendi bene nello scrivere :) baci bella :**

    RispondiElimina
  4. Che sogno meraviglioso... spero davvero che questo sogno diventi realtà...

    RispondiElimina
  5. Sweetie u are so sweet! Can we follow each other? Kisses from Romania!

    FashionSpot.ro

    RispondiElimina

DaiDaiDai... Partecipa al mio caos!

social network

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...