martedì 29 gennaio 2013

Ristrutturare casa: capitolo primo

So che tutti siete ansiosi di sapere, avverto la vostra curiosità.....

Quindi ve lo dico... 

La consegna delle chiavi della mia nuova casetta è avvenuta sabato pomeriggio
alle ore 17:00 c/a. 

Venerdì mattina invece , ho dato il via alla mia effettiva povertà.

Pagato notaio, assicurazioni , pratiche mutuo varie ed eventuali  ci restano giusto quelle due lire per ristrutturare la casa e poi potrò fare il clochard, 
ma anzichè il ponte e i cartoni per dormire io avrò un tetto sulla testa e un letto per dormire.

Letto che per ora è senza materasso ma mi dicono che dormire sulle doghe in legno fortifichi la schiena quindi, se non abbiamo i  soldi per comprare il materasso dormiremo sulle doghe.

Magari ci piacerà...

La casa nel week , 
prima di inziare i lavori sembrava quasi abitabile.... 
l'ho salutata domenica sera dopo aver ricevuto amici e  parenti che volevano vederla ( o che io avevo pressato pesantemente per venire a vederla, non ricordo! ) 
e l'ho rivista ieri sera alle 17:00 .

Ecco , 12 ore e non sembra più la stessa casa. 
E' stata sventrata come un capretto per il pranzo di Pasqua.
Appena sono entrata in casa ho trovato a lavorare un tripudio di persone ,
idraulico, muratore e parentame vario erano impegnati a fare ogni tipo di lavoro manuale...

Adesso concentratevi...
 
Provate ad immaginare una persona molto ansiosa e un pelino isterica , 
entrare in casa e vedere calcinacci e polvere ovunque .
Il mio primo pensiero è stato : 

"PORCA PUTTANA LO SO CHE TANTO MI RIGANO IL PARQUET!!!!"

E quindi ho inziato a spazzare freneticamete calcinacci come se non ci fosse un domani.

Quando l'ansia stava prendendo il sopravvento il santo ( impegnato anche lui nei lavori di ristrutturazione ) mi ha invitato gentilmente ( invitare gentilmente = spingermi verso la porta d'ingresso e chiudermi fuori )ad abbandonare il cantiere e a dedicarmi ad operazioni più adatte alla mia natura di femmina isterica. 

Quindi sono andata a fare la spesa e a preparare la cena con un solo pensiero fisso : 

Non devono rigarmi il parquet , tanto mi righeranno il parquet, non devono rigarmi il parquet , tanto mi righeranno il parquet, non devono rigarmi il parquet , tanto mi righeranno il parquet, non devono rigarmi il parquet , tanto mi righeranno il parquet,, non devono rigarmi il parquet , tanto mi righeranno il parquet... come in un loop....

Questo nefasto pensiero mi ha reso un essere inavvicinabile e cattivo. 

Per fortuna una massiccia dose di ansiolitici e l'osservare la foto del tramonto , 
foto scattata dalla terrazzina a tasca della mia camera 
mi hanno però reso un essere un pelino più amabile e sono riuscita ad affrontare la notte senza pensieri catastrofici....



Sempre vostra , 
estremamente povera ma tendenzialmente felice.... 

S. 
 

37 commenti:

  1. Anche io ho fatto i lavori nella nuova casa con il parquet!
    Ho piazzato ovunque vecchie lenzuola E le ho ricoperte con i teli di plastica!
    Poi ho fatto il mastino di guardia!!
    A me è andata bene ..... nemmeno un graffietto!
    Ci hanno pensato dopo le mie bimbe!!!
    Margherita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per coprire abbiam coperto.. ma basta un sassolino sotto una scarpa e zac! La frittata è fatta!

      Elimina
  2. Silvietta, te lo dico, spero di trovarmi a breve come te, povera, isterica, ma tendenzialmente felice in una casa nuova!
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, diciamo che ho avuto momenti peggiori!!

      Elimina
  3. Il tramonto fa miracoli dai :) Respiro profondoooo......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari faccio un pò di yoga epr calmarmi....

      Elimina
  4. Ciao bellezza... guarda, se il progetto che ho in mente va in porto, tra poco ti raggiungerò nella totale isteria di "ristrutturare casa!" con tanto di "mi rigano il parquet!". Garantitno!
    Ma ti renderò partecipe quando e se la cosa andrà in porto... per ora mi resta l'ansia del "dove cazzo trovo tutti sti soldi???".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere delle tue novità casalinghe allora! Magri ti presto gli antistress!!!!
      Quanto ai soldi.. io psero in una vincita improvvisa!

      Elimina
  5. Silviè.... ti assicuro che pur non "conoscendoti" mi ti immagino benissimo... :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' lo so... tendo ad essere una che manifesta in modo abbastanza teatrale i propri stati d'animo...

      Elimina
  6. Ma tipo mettere delle coperte vecchie di lana, o quei teli di stoffa da imbianchini simil imbottiti che il Santo di sicuro ha e poi un bel telo di plastica spesso sopra il parquet non c'ha pensato nessuno?
    Comunque ti ricordo che tu hai un Santo al tuo fianco i non è uno sprovveduto, per cui stai tranquilla che il parquet lo ritovi come lo hai lasciato, anzi, forse meglio!!
    E poi guarda che vista che tu c'hai? Quella riporta la calma al primo sguardo..
    Baci bella donna!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le abbiamo messe le coperte, i cartoni , i teli... ma qualcosa può sfuggire lo stesso quando si è in tanti a lavorare....
      Il santo è preciso ma gli altri meno!!!

      Elimina
    2. Grande, grandissima verità!!

      Elimina
  7. Silvia!!!!!! Il parquet!!!!! E' rigato? :)
    Che super figata però, appena ti passerà questo piccolo momento di follia e ti abituerai a dormire sulle doghe in legno...penso che ti sentirai pervadere da un'infinita gioia!
    Ti abbraccio forte e spero di vederti più che presto! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si.. infatti secondo me le doghe son comode!
      Non ho nemmeno la lavatrice.. laverò a mano l'acqua piovana se non posso comprarmela!

      Elimina
  8. Beh, la conclusione dice tutto. Due cuori e una capanna :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora due cuori e parecchi calcinacci!

      Elimina
  9. spetta.. ancora devono rompere la tubatura dell'acqua, posta nel massetto sotto il parquet.. sai come si gonfia il legno ...
    fai bene a controllare, fai bene ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O cielo.. tu mi hai messo addosso un 'altra preoccupazione!!!

      Elimina
  10. Il parquet basta coprirlo e non te lo righeranno.
    Per quanto riguarda la povertà... dalle tue parti non si usa fare regali quando si prende casa nuova?
    Potresti farti regalare il materasso dai tuoi, qualcos'altro dalla suocera e iniziare a prendere la buona abitudine di parlare ad alta voce: "Oh, come mi servirebbe questo! Oh,mi ci vorrebbe proprio quest'altro!"
    E poi... che panorama! Complimenti!
    Ma l'avevo già detto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma i suoceri e i genitori si son già "frugati parecchio" per aiutarci... non vorrei esagerare!!!
      Vediamo che viene fuori.. quando sarà ok posto foto e lascierò a voi compagni blogger il compito di giudicare!

      Elimina
  11. Non dimenticare qualche accenno di rosa nella tua nuova stanza!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su quello sarà difficile... il santo non ama molto il rosa... ma in qualche modo ce lo infilerò!!!

      Elimina
  12. coraggio! ci sono passata anch'io ... i lavori finiranno quanto prima! ancora auguri per la nuova cas!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!!! Speriamo di finire a breve che la voglia di traslocare è ai massimi livelli!!

      Elimina
  13. Valà, che la felicità supererà la povertà.. ;D

    RispondiElimina
  14. Sono quasi anch'io nella tua condizione Silvia!!!
    Dai che magari povera ma sai che bello poi nella casetta nuova tutta sistemata??
    Tieni a bada i potenziali 'rigatori di parquet e in bocca al lupo!!!
    ..sai che anche io c'ho un debole per il rosa???
    Baci! Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa tutta la vita!!!!
      peccato che al mi omo non gli piaccia per nulla!!

      Elimina
  15. Ti posso capire, anche io sono così. Addirittura tali ansie possono trasformarsi in disturbi psicosomatici!
    Qualche anno fa io ed il fidanzato decidemmo di rinfrescare i colori della casetta durante le ferie estive. Casa sotto sopra, per alcuni giorni sembravamo accampati. Pulivo e facevo attenzione che il fidanzato non facesse danni ogni minuto di quei lunghissimi giorni, che in realtà era meno di una settimana. La fine dei lavori conincideva con il ritorno al lavoro. Al lavoro non sono tornata ma sono rimasta a letto ancora una settimana a causa di una forte gastro-interite. Ho avuto un abbassamento repentino delle difese immunitare a tal punto che ho dovuto fare le punture di vitamine. Un disastro :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me lo dire... certo.. magario una gastro interite mi fa perdere quei kg di troppo che mi restano attaccati alle cosce nonostante tutti i miei sacrifici... beh.. potrei trovarci del positivo..

      Elimina
  16. Ti capisco...se poi pensi che di lì a poco ti costruiranno l'autostrada davanti a casa, deturpando quel meraviglioso panorama che diventerà metà fissa di brostitute, tossici e giocatori di bocce...che amarezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poraccio... ti garberebbe è vedermi circodanta da brutti ceffi è! Invece nulla! Abito in amena zona circondata da verde e senza palazzoni di periferia!!!

      Elimina
    2. Eh lo so cosa si prova...fuggire dalla triste realtà con la fantasia...

      Elimina
  17. io ho già dato 5 anni fa.......
    se ci penso mi vengono i brividi!!!
    ma ora sono quì nella mia casetta.......con il mutuo da pagare, ma felice!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che finisca in fretta.... due giorni e son già sull'orlo del collasso nervoso!!!

      Elimina

DaiDaiDai... Partecipa al mio caos!

social network

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...