mercoledì 28 marzo 2012

La star


 Botteghino

Passò davanti al botteghino e vide la locandina.
Ormai era evidente ,ce l’aveva fatta.
Lei non poteva gioirne con lui e anche questo era evidente.
Le restava la condivisione dell’inizio, 
l’aver vissuto la star prima che divenisse tale.
Lui aveva scelto.
Aveva scelto di sacrificare qualcosa per strada .
Si era liberato della zavorra che lo limitava , 
a suo dire beninteso ,nella scalata al successo.
La zavorra era lei, e come tale si era fatta da parte.
Lei era quella dei teatrini squallidi, quella pronta ad applaudire dalla prima fila seduta sulle poltrone rosse e logore.
Lei era quella che lo ascoltava ripetere battute e provare smorfie per ore .
Lei era quella che si ubriacava con lui a fine spettacolo per festeggiare .
Lei era quella che si stringeva nel lettino che lui aveva alla casa dello studente e lo guardava dormire dopo aver fatto l’amore con lui.
Lei faceva l’amore con lui.
Lei non aveva mai fatto l’amore con la STAR.
Lei era giovane e inesperta, senza consigli da dispensare , senza lo stacco di coscia delle starlette da copertina che lui si era ritrovato accanto.
Lei con i jeans sdruciti , la testa piena di frasi , la risata sguaiata e  la bottiglietta d’acqua sempre in mano.
Loro con i vestitini corti, i capelli lucidi i denti bianchi il sorriso di circostanza e il bicchiere di Martini .
Fuori luogo.
Fuori posto.
Non adatta a lui.
Non adatta alla star..
Aveva tentato di cancellare tutto .
Non aveva mai visto i suoi film, letto le sue interviste .
Per lei la star non era mai esistita. 
Per lei il “dopo” non era esistito , l’aveva rimosso . 
Per 5 anni. 
Ma quella sera si fermò davanti alla locandina e osservò gli occhi di lui.
Quelli erano rimasti identici. Belli da far male al cuore .
Ma non era più lui. Non il lui che conosceva.
Si disse che era giunto il momento di conoscerlo di nuovo.
Si mise in coda al botteghino pronta a fare il grande passo.
Pronta ad acquistare il biglietto.
Pronta a conoscere la STAR.


10 commenti:

  1. Chi "parla bene" dice che gli occhi non mentono....chissà cosa dicevano gli occhi di quella locandina....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà... forse anche "lui" sente la mancanza dei tempi andati!

      Elimina
  2. bello e accattivante! è una vita che manco agli appuntamenti del writing ma ho avuto parecchio da fare a livello internet e interpersonale che la vena creativa si è dovuta ridimensionare per forza, ma ritornerò con nuovi racconti, prometto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Non vedo l'ora di rileggere i tuoi racconti!

      Elimina
  3. Ciao,se vuoi passa da me appena hai un minuto di tempo perchè ti ho riservato un premio per te...Spero lo gradirai...A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 1000 del premio !Lo posto appena possibile!

      Elimina
  4. Ciao cara, da oggi ritorno ai nostri writing tuesday che mi sono mancati tantissimo!
    http://post-mom.blogspot.it/2012/04/writing-tuesday-ignobile.html

    attendo il tuo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene che hai ri-iniziato! Ti vengo a leggere prima possibile , prima devo scrivere il mio perchè altrimenti mi faccio condizionare dal racconto degli altri! ( e oggi credo che non riuscirò a scriverlo! Sono incasinatissima sul lavoro!)

      Elimina

DaiDaiDai... Partecipa al mio caos!

social network

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...