lunedì 5 maggio 2014

In bilico

Ad un passo dai 40 la parola giusta che descrive il mio stato d'animo è propria questa...
IN BILICO. 
Che del resto in bilico lo son sempre stata, non c'è motivo che smetta. 
E'un pò come il vizio di fumare, quando ce l'hai mica è facile toglierselo e quindi me lo tengo sto vizio e continuo a vivere così. 
In bilico. 
In bilico tra follia e ragione,
in bilico tra razionalità e istinto ,
in bilico sulla scelta del tipo di vita ... 
Che se una parte di me voleva la vita da artista grunge in giro per il mondo,
l'altra parte di me dalla "sù Firenze" non sarebbe mai andata via...
Ed ecco che nuovamente le due me cozzano e litigano furiosamente tra di loro... Una delle due si sente una fallita con un numero considerevole di scelte sbagliate alle spalle, con il lavoro che non voleva, che non le piaceva che non l'ha rappresentata mai ....
L'altra me si sente a tratti soddisfatta di avere il tanto ambito lavoro sicuro con lo stipendio che ti fa pagare il mutuo e togliere i vizi che ti fanno sentire realizzato, che poi come fa a renderti felice una borsa ancora l'ho da capire .... Ma son felice pure a camminare per la campagna con i miei cani, 
a leggere un bel libro e ad accarezzare il mio gatto pazzo . 
Questo mi fa sentire meno frivola e superficiale . 
Ma di contro ho una bella fetta di materialismo in me ,
abbinato ad un "io smisurato" , così come ho smisurato il mio egocentrismo .... 
allo stesso modo ho una sensibilità che mi fa vivere da cani mille situazioni ,
situazioni che a tanti altri non fanno ne caldo ne freddo...e dunque?
Dunque niente ...
Sono in bilico.
In bilico tra la donna single in carriera e la madre di famiglia, 
in bilico tra l'artista grunge magari itinerante a Londra ,
e l'impiegata seria che alle sei fa la spesa, mette la cena in tavola e poi magari scrive sul blog o si mette a disegnare per convincersi di essere ancora artista e non solo impiegatina sfigata.
In bilico tra i quasi quarant'anni che ho realmente e i venti che ancora mi sento. In bilico. 
In bilico tra la voglia di far sempre tutto da sola ,ma allo stesso tempo con il bisogno di una mano a volte, mano che però non riesco mai a chiedere ,
che mi manca sempre il coraggio o l'umiltà di chiederlo questo aiuto o questa spalla su cui appoggiarsi un attimo a riprendere fiato. 
Che lui me la darebbe pure una spalla se ogni tanto glielo chiedessi....
ma troppo egocentrica e accentratrice per chiederlo .Forse. 
Allo stesso modo , sempre con la voglia di esserci se qualcuno ha bisogno di me. Con l'eterno bisogno delle mie amiche e dei miei amici vicini , 
ma subito pronta a scappare quando mi soffocano.
Ed ecco che  anche nei rapporti con gli altri,son sempre in bilico .
In bilico tra sociale e antisociale.
In bilico tra il saper perdonre e il portare rancore.
Che purtroppo il rancore lo so portare , e portare rancore mi ha aiutato poco ma per certe cose è stato più forte di me.
Ma ho perdonato pure.
Ho perdonato torti grossi , 
ho perdonato tradimenti e cattiverie a tante persone .
Dovrei riuscire ad applicare la dote del perdono anche a me stessa, 
che sapermi perdonare ancora mi resta complesso. 
In bilico tra la voglia di scappare dove davvero non c'è nulla , 
dove mi servirebbero solo pareo e ciabatte ma attratta oltremodo dalla vita nelle grandi città ....
Lo dimostra il fatto che scappo a Londra ogni volta che posso , 
certo allo stesso modo ogni week vado in campagna a correre con i cani in mezzo alle vigne .
Voglia di mollare tutto e vivere con poco , ma voglia pure di vincere un milione di euro e correre da Vuitton per comprare dieci borse ....
Sempre  in bilico.
Che  oggi a 39 anni , dovrei aver messo la testa a posto e sapere cosa voglio e invece non lo so . 
Se una parte di me è una trentanovenne inbinariata con lavoro, casa, marito e magari il progetto remoto di avere un figlio, 
un altra me partirebbe domattina lasciando tutto per vivere a Londra e ricominciare a studiare.... 
Ed ecco che le due me cozzano di nuovo. 
Strano come possa esser felice con tutti 'sti conflitti interni.
Eppure che dire... Lo sono .
Forse questo conflitto interno mi serve per vivere felice,
senza conflitti ,senza tutto sto caos interno morirei...
Chi lo sa. il fatto è che questo sentirmi diversa io ce l'ho sempre avuto...
durante gli incontri di lavoro è tipico per me chiedermi guardando i miei colleghi , "Ma io che cazzo c'entro con loro?" .
Forse davvero non c'entro nulla, o forse c'entro molto di più di quanto credo. Così come non c'entro nulla con il lavoro che faccio, che per assurdo,
pare mi riesca pure piuttosto bene .
Posseggo risorse infinite evidentemente , 
evidentemente mi so adattare anche a ciò che mi fa cacare.... 
Così come e posseggo rimpianti infiniti. 
Ma ho pure una bel sacchetto pieno di soddisfazione, 
di scelte giuste e cose buone. 

Vasco vive in bilico e fumava le sue Lucky Stricke, 
io vivo in bilico e fumo le mie Marlboro Light... 
I Negroamaro , vivono in bilico tra santi e falsi dei sorretti da un insensata voglia di equilibrio...
Io vivo in bilico tra la quarantenne che dovrei essere e la vent'enne che mi sento.
Dovrei far fare la pace a queste due me in eterno conflitto tra di loro. 

ma che vi devo dire. 
ANCORA NON NE HO VOGLIA. 
Del resto oggi compio SOLO 39 anni....
e per diventare una DONNA quarantenne... 
c'è tempo.
Fatemi restare allegramente cogliona per un altro po',
fatemi restare un altro pò in bilico... 
che alla fine....mi sa che mi piace.  




Sempre vostra, 
sempre IN BILICO. 

S. 

37 commenti:

  1. Innanzitutto TANTI AUGURI!
    E poi... forse è proprio il tuo essere in bilico a fare da ago della bilancia per la felicità.
    Hai un'anima casalinga e grunge, e sai come cogliere le piccole cose dove poter liberare queste sfumature.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella l'anima casalinga-grunge... è un 'accoppiata che mi paice molto!!!
      Grazie degli auguri!

      Elimina
  2. Mi ci ritrovo moltissimo in questo post... diversi passaggi potrei averli scritti io.
    Direi che stare in bilico non è così male, paradossalmente dà equilibrio, perché in fondo sai di avere la libertà di poter fare delle scelte, di poter cambiare.

    Tanti auguri, Silvietta :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine meglio in bilico che fermi no???
      Grazie degli auguri!!!

      Elimina
  3. Mi piace leggere le riflessioni come questa di chi ha qualche anno più di me, vedo un possibile me stesso del futuro, tra una o due decine d'anni in più. Mi chiedo come sarò io e cosa farò. D'altra parte m'hai fatto pensare anche a mia madre, che dieci anni fa aveva 39 anni ed era una persona (almeno immagino questo) completamente differente, con una vita differente, con scelte differenti. Chissà se anche lei si sentiva in bilico. Purtroppo non scrive, quindi non saprò che pensava.

    Ok, scusa del commento lungo. Tanti auguri Silvietta ;) E lascia stare che per me sei un'artista sì! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che tutte noi donne ad un passo dai 40 ci sentiamo in bilico!!!
      Grazie per l'artista.... mi piacerebbe davvero esserlo!

      Elimina
  4. oh!
    intanto auguri, ragazzina! ;)
    sai che iniziavo a preoccuparmi per il tuo silenzio?
    (e comunque credo che tutti noi ci ritroviamo a vivere queste situazioni "in bilico"... almeno, a me capita molto più spesso di quanto non vorrei, ma, come sempre, me ne faccio una ragione e vado avanti!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio silenzio putroppo è dovuto al CAOS lavorativo in cui sono sprofondata... ma ora vedo piano piano di risorgere!!!
      Grazie degli auguri bella Poison.. e sopratutto grazie di avermi dato "ragazzina"!!!

      Elimina
  5. Santiddio come ti capisco!!!!!.....ma se vivere in bilico ti fa amare te stessa e la vita allora va bene cmq. Ciao ^_^

    RispondiElimina
  6. Tantissimi auguri. ..in effetti ero preoccupata un po' anch'io del tuo silenzio...bello rileggerti e goditi i tuoi ancora non "anta". Come sempre un bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara... il mio silenzio putroppo è legato al caos lavorativo... torno sempre tardi e non ho un attimo!
      Ma a breve risorgo!

      Elimina
  7. Ma cara, per me puoi restare allegramente cogliona fino alla morte. Te lo dice una che alla soglia dei suoi 43 anni indossa orgogliosamente una felpa rosa con il logo vintage di Barbie ed indossa stivali di gomma fucsia quando piove.
    Per me il bilico non esiste, io sono così e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah... e auguriii!!!!!

      Elimina
    2. BELLI GLI STIVALI ROSA!!!!
      Mi sa che li hai pure messi in tuo post... me li ricordo!!!

      Elimina
  8. Auguri carissima Silvietta!! :-)
    Ma lo sai che son in bilico anch'io? Come te, per tanti, tantissimi versi.
    Ma io sono certa,certissima,d'aver poco più di vent'anni,checchè ne dica la patente. :-)
    Bellissimo post..davvero :-) E ancora auguri anche se in ritardino... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io son certa di avere poco più di vent'anni... e di CERTO NON POSSO ACCETTARE DI AVERNE QUASI 40!!!
      Grazie degli auguri!

      Elimina
  9. Ehi!!!!!!! ma guarda un po' la nostra ragazzina che ha paura di diventare "grande"!!!!!! Dai che alla fine nessuno riesce a fare tutto tutto quello che vorrebbe, molto più spesso riesce a fare sono un po' di quello che può, ma se ti consola un pochino siamo in tante!!!!!!!
    Auguri Silvietta!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho paura di diventare grande... E' CHE PROPRIO NON MI VA!!

      Elimina
  10. Ho bevuto quanto hai scritto come acqua nel deserto. Mi sento in bilico anche io, solo che a quasi 50 anni è molto più spiazzante di quando ne avevo 40 o 30... ma spero di restare in bilico, e di non fermarmi mai in un equilibrio forzato, ancora a lungo! Buon compleanno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma hai ragione sai... l'equilibro forzato è di una noia mortale...
      Un pò come quelli che vanno sempre in vacanza nellos tesso posto, mangiano sempre le stesse cose , fanno sempre la stessa vita... DUE PALLE!!!!

      Elimina
  11. Sei meravigliosamente umana. E femmina.
    Tantissimi auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FEMMINA SONO!!!!
      Un pò sguaiata ma sempre femmina!!
      Bacio cara e grazie degli augri!

      Elimina
  12. E' una sensazione, quella di sentirsi in bilico, che ho imparato a conoscere solo di recente. Due anni fa sapevo perfettamente chi ero e cosa volevo dalla vita. Poi ho scoperto che me le raccontavo. E pure di brutto. In fondo non conta essere o no in equilibrio, l'unica cosa che conta è essere felici. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sante parole ..... l'unica cosa che conta è essere FELICI!!!

      Elimina
  13. Auguri in ritardo, cara Silvia. Invece di sentirti a metà pensa che sei una donna dalle mille sfumature, artista e impiegata, donna di casa e donna lavoratrice, donna mondana e donna semplice. Sei tanto, sei completa, sei meravigliosamente complessa, sei una splendida quasi quarantenne con la testa da ventenne...wow :-)! Un bacio, carissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono una quarantenne con la testa da ventenne...
      hai detto una grande verità!

      Elimina
  14. Bello Silvia, come sempre ti leggo volentierissimo! :)
    Confesso che ti avevo dato per dispersa, dopo il post sui topi, ma sei tornata... e ne sono contenta! :)

    Hai compiuto 39 anni, e allora?!
    Non cambia nulla, secondo me, il giorno dopo il compleanno sarai stata la solita "cogliona" di quando ne avevi ancora 38.
    Chi ti fa sentire diversa, o almeno ci prova, sono le persone che ti stanno intorno, quelle che te la menano, magari, dicendoti che ormai sei vecchia anche tu!
    La mia filosofia mi porta a mandare sempre mentalmente affanculo chi mi vuol mettere un peso addosso, per togliersi chissà quale soddisfazione.
    Perciò, che vaffanculo sia! :)

    Le seghe mentali te le farai da te quando compirai 40 anni, allora si che entrerai in un tunnel dal quale riscapperai solo dopo che ti sarai resa conto di una cosa: avere 39 anni o 41 non ti toglie e non ti aggiunge nulla di nuovo, rimarrai sempre tu.
    Sono le scemenze e i luoghi comuni che ti mettono in crisi.
    A 40 anni non si è da rottamare, anzi, e poi, dettaglio non trascurabile, hai ancora un'anno da ...enne!!! :)

    Auguri Sirvietta!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ero un pò dispersa... mi mancava il tempo per scrivere.. due palle sto lavoro... sto fatto di dover lavorare tutto il giorno è parecchio irritante!!!
      Cmq per le seghe mentali... io me le son sempre fatte sai... anche quando avevo 16 anni... quindi mi sa che è genetica!

      Elimina
  15. Adesso capisco perchè è passato tanto tempo dal tuo ultimo post.....
    Eri in piena crisi adolescenziale...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono sempre in crisi adolescenziale!!!Del resto.. a noi vent'enni capita!

      Elimina
  16. Rimanici sempre "in bilico". Ti fa sentire viva e pulsante. L'insicurezza è felicità. Auguri da un cinquantaquattrenne più piccolo di Moz!... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti lo penso anche io.... l'insicurezza ci da il brivido... la tranquillità e il saper sempre cosa fare/volere.. è così noisa!!!

      Elimina
  17. buon compleanno!!
    (a volte essere in bilico ha i suoi perchè!)

    www.nonsidicepiacere.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Infatti la vita in bilico tutto sommato mi rende felice!!

      Elimina

DaiDaiDai... Partecipa al mio caos!

social network

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...